Villa Arconati

Tra le più belle e maestose Ville di delizia di Milano, Villa Arconati è un patrimonio di grande valore storico, culturale e architettonico. La Villa – che oggi insieme al suo Giardino è sede della Fondazione Augusto Rancilio - sorge nel Parco delle Groane, nella frazione di Castellazzo di Bollate, da cui prende anche il nome di “Castellazzo”, risalente alla prima edificazione, in età medievale. La Villa è ancora oggi affiancata, come in origine, da un Borgo rurale e dalla chiesa di San Guglielmo.

Considerata una rivisitazione all'italiana della Versailles di Luigi XIV, la Regia Villa oggi si presenta nella struttura così come era stata completata dalla famiglia Arconati col finire del XVIII secolo, espressione della cura e dell'eleganza del barocchetto lombardo sull'impianto del precedente casamento seicentesco.

La struttura ad H permette alla Villa di svilupparsi a ovest nella corte d'ingresso con la sua imponente facciata frontale, e a est nella corte nobile, con il portico interno affacciato sul giardino.

Gli spazi interni dimostrano ancora oggi il gusto e l’amore per le arti che hanno in passato animato questa residenza nobile, epicentro culturale in cui si manifestava la passione per l'architettura, l'arte classica, la musica e la scienza dei “cavalieri”.

Al piano terra, si incontrano il Salone del Museo dove è ancora collocata la statua romana di Pompeo Magno e il gabinetto per il monumento di Gastone de Foix, opera del Bambaja (i cui bassorilievi e sculture oggi appartengono alle collezioni dei Musei Civici del Castello Sforzesco a Milano); seguono una Biblioteca - dove probabilmente erano conservati i fogli del Codice Atlantico di Leonardo da Vinci, donati nel 1637 alla Biblioteca Ambrosiana - un archivio e un laboratorio museale un tempo destinato ai lavori di restauro e di copia delle sculture.

Salendo lo Scalone d'onore sormontato da volte dipinte, si accede al piano nobile superiore: tra gli appartamenti delle donne e la stanza della musica - detta anche “galleria degli stuchi” - ci si trova immersi nelle scene allegoriche dipinte dai fratelli Galliari, conosciuti come i maggiori scenografi del Teatro Ducale di Milano e di altre ville lombarde, e chiamati al Castellazzo dal 1750 da Giuseppe Antonio Arconati.